| Via Sammartino n. 95 - 90141 Palermo | Tel. 091.309628 - Fax 091.7828755 |
News in dettaglio

Minori

Data: 15/02/2013

La partecipazione e l'ascolto, diritti fondamentali di bambini e ragazzi sanciti dalla Convenzione Onu del 1989, da altri documenti internazionali e da norme nazionali, sono temi cruciali nel dibattito sulle nuove generazioni, al centro di varie iniziative che cercano di promuovere la loro piena ed effettiva attuazione. Una di queste è il progetto europeo promosso dalla Regione del Veneto e da altre realtà Involved by right, che riguarda l'ambito specifico dei percorsi di accoglienza dei minori in affido e in comunità. La pubblicazione Coinvolti di diritto. La voce di bambini e ragazzi nei percorsi di cura e protezione - realizzata a conclusione del progetto e presentata il 31 gennaio scorso in occasione di un convegno che si è tenuto a San Giuseppe di Cassola, in provincia di Vicenza - illustra i contenuti di Involved by right e raccoglie i materiali prodotti dai ragazzi che hanno partecipato all'iniziativa: le loro riflessioni sull'esperienza vissuta nelle famiglie affidatarie e nelle comunità, i loro racconti e i loro suggerimenti agli adulti e agli operatori. La principale finalità del progetto - finanziato dal programma Daphne dell'Unione europea, gestito dall'Azienda Ulss n. 3 di Bassano del Grappa e articolato in cinque fasi - è stata quella di creare nuove forme e occasioni di ascolto collettivo delle ragazze e dei ragazzi in affido e in comunità «favorendo l'emergere di nuove relazioni e consapevolezze utili a promuovere processi di riconoscimento, di empowerment e di partecipazione alla costruzione del percorso di cura». Involved by right ha coinvolto 111 bambini e adolescenti tra gli 11 e i 16 anni accolti in affido e in comunità in diverse località del Veneto (Bassano del Grappa, Asolo, Castelfranco, Montebelluna, Cittadella e Camposampiero) e ha previsto una serie di incontri tra pari a cui hanno preso parte due facilitatori esperti (educatori e animatori con il compito di facilitare la comunicazione tra i ragazzi). Nelle fasi iniziali il percorso che ha coinvolto i minori in affido si è differenziato leggermente da quello proposto per i minori accolti in comunità, ma a partire dalla terza fase i due percorsi si sono armonizzati e fusi per proseguire insieme. Ma vediamo più nel dettaglio quali sono state le attività svolte dai ragazzi durante gli incontri. L'iniziativa ha preso il via con un “gioco post-it”: i giovani partecipanti sono stati invitati a scrivere un post-it che riportasse una frase, una parola chiave riguardo a un momento delle loro esperienze di affido o di vita in comunità o in casa famiglia oppure una storia, una situazione o un fatto che li avesse colpiti più di altri o che ricordassero meglio di altri. Negli incontri successivi le parole e le frasi scritte sui post-it sono servite a elaborare impressioni e racconti. I ragazzi hanno individuato, così, dei temi chiave relativi alle loro esperienze di affido o di vita in comunità, realizzando dei cartelloni di sintesi degli argomenti scelti. Le varie attività hanno previsto anche l'uso di altri strumenti, fra i quali la macchina fotografica. Nella pubblicazione sono riportate alcune delle foto scattate dai ragazzi, che riprendono momenti ed episodi particolarmente significativi della loro vita in comunità o nelle famiglie affidatarie. Molto interessanti le riflessioni, i commenti e i suggerimenti scritti dai giovani che hanno partecipato al progetto e rivolti agli adulti e agli operatori, pubblicati nella parte finale del volume. Testi brevi ma efficaci da cui emerge con forza, fra le altre cose, il bisogno dei ragazzi di essere ascoltati.


SEZIONE ALLEGATI

entra





Tutte le news


Risoluzione ottimizzata 1024 x 768
Sito realizzato da
Roberto La Barbera