| Via Sammartino n. 95 - 90141 Palermo | Tel. 091.309628 - Fax 091.7828755 |
News in dettaglio

Minori stranieri

Data: 28/03/2013

Aumenta, nelle scuole, il numero di studenti stranieri. Lo rivela il nuovo Rapporto nazionale sugli alunni con cittadinanza non italiana relativo all'anno scolastico 2011/2012, realizzato dalla Direzione generale per lo studente, l'integrazione, la partecipazione e la comunicazione del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca e dalla fondazione Ismu (Iniziative e studi sulla multietnicità). Il rapporto, presentato di recente, offre un quadro aggiornato sulla presenza nelle scuole e la situazione degli alunni stranieri che si sofferma su vari aspetti, fra i quali: i tratti distintivi delle presenze distribuite nei diversi ordini e gradi e nei differenti territori, la realtà delle scuole con elevate percentuali di studenti stranieri, i processi di apprendimento, gli alunni con cittadinanza non italiana nati in Italia e i neoarrivati nel nostro sistema scolastico e il gruppo dei rom, sinti e caminanti, ai quali il rapporto dedica, per la prima volta, un intero capitolo. Il documento contiene dati, analisi e alcuni approfondimenti, che riguardano le scuole con una percentuale di alunni con cittadinanza non italiana pari o superiore al 50 per cento del totale degli allievi, gli studenti stranieri nati in Italia e, infine, gli alunni rom, sinti e caminanti. Gli alunni con cittadinanza non italiana si confermano come una realtà strutturale del nostro Paese: nell'anno scolastico 2011/2012 sono 755.939, mentre nell'anno scolastico precedente erano 711.064. L'aumento più significativo riguarda le scuole dell'infanzia. Nell'arco temporale che va dall'anno scolastico 2001/2002 all'anno scolastico 2011/2012, si registra un rapido e importante incremento nelle iscrizioni, che in un decennio si sono quadruplicate. Come in passato, la maggior parte di studenti stranieri si concentra nelle regioni del Nord e del Centro, con un'ampia diffusione nelle province di media e piccola dimensione. La Lombardia si attesta come la regione con il maggior numero di alunni con cittadinanza non italiana. La provincia con il maggior numero di alunni stranieri è Milano (69.801), mentre la provincia con l'incidenza più elevata è Prato (18,8 per cento). Il gruppo più numeroso è quello degli studenti romeni, seguiti dai giovani di nazionalità albanese e marocchina. Il rapporto evidenzia, inoltre, che le scuole con almeno il 50 per cento di alunni stranieri sono, complessivamente, 415. Due terzi delle province italiane hanno almeno una scuola a maggioranza di alunni stranieri. 334.284 gli studenti con cittadinanza non italiana nati in Italia, che rappresentano il 44,2 per cento del totale degli alunni stranieri. I dati riportati nel focus sugli alunni stranieri nati nel nostro Paese offrono lo spunto per una riflessione sulla normativa relativa all'acquisizione della cittadinanza, elaborata nel capitolo 3 del rapporto. Gli alunni rom, sinti e caminanti iscritti nell'anno scolastico 2011/2012 sono 11.899, il numero più basso degli ultimi cinque anni, in diminuzione del 3,9 per cento rispetto al 2010/2011. I dati che li riguardano, si legge nel rapporto, «dimostrano la scarsa efficacia delle politiche di inclusione e di scolarizzazione attuate in Italia negli ultimi anni». La scolarizzazione dei bambini e ragazzi rom, si spiega, «presenta alcuni nodi specifici non affrontati o affrontati in modo insufficiente», esasperati dalle condizioni di povertà e analfabetismo in cui vivono i minori rom e da altre problematiche. Per promuovere una concreta attività di inclusione di queste comunità, il Consiglio dei ministri ha approvato, lo scorso febbraio, la Strategia nazionale di inclusione dei rom, dei sinti e dei caminanti, che ha investito il Ministro per la cooperazione internazionale e l'integrazione della responsabilità di costituire, di concerto con i Ministri del lavoro e delle politiche sociali, dell'interno, della salute, dell'istruzione, dell'università e della ricerca e della giustizia, «una cabina di regia delle politiche dei prossimi anni, coinvolgendo le rappresentanze degli Enti regionali e locali, compresi i Sindaci di grande aree urbane e le stesse rappresentanze delle comunità Rom, Sinti e Caminanti presenti in Italia». La cabina di regia «guiderà il processo di integrazione nel tempo, verificando periodicamente i risultati raggiunti, l'aderenza delle scelte fatte e dei progetti alle indicazioni dell'Unione Europea, integrando, di volta in volta, le politiche scelte in base alle esperienze e ai bisogni che si manifesteranno». La Strategia è stata approvata in attuazione della Comunicazione 173/2011 della Commissione europea, che sollecita gli Stati membri all'elaborazione di strategie nazionali di inclusione dei rom o all'adozione di misure di intervento nell'ambito delle politiche più generali di inclusione sociale per il miglioramento delle condizioni di vita di questa popolazione.


SEZIONE ALLEGATI

entra





Tutte le news


Risoluzione ottimizzata 1024 x 768
Sito realizzato da
Roberto La Barbera